libro sette brevi lezioni di fisica

Sette brevi lezioni di fisica

In libri consigliati by moderatore

Un libro per persone curiose. Uno sguardo semplice e profondo ai più grandi quesiti della fisica moderna. 

Sette brevi lezioni di fisica è un saggio scientifico divulgativo, quindi presenta argomenti certamente complessi, ma è consigliato anche a coloro che non sono studenti della materia. Carlo Rovelli è uno dei fisici contemporanei più accreditati al mondo. In questo breve ma interessante libro, l’autore ci presenta con estrema chiarezza gli aspetti più rilevanti della rivoluzione della fisica nel ventesimo secolo.

Le sette brevi lezioni di fisica

La prima lezione è dedicata alla teoria della relatività generale di Albert Einstein, un capolavoro amorevolmente chiamato: la più bella delle teorie. Una delle teorie scientifiche più sconvolgenti, in quanto insegna che lo spazio non è qualcosa di diverso della materia, ma viceversa uno dei componenti materiali del mondo.
La seconda parte è dedicata alla meccanica quantistica, dove si annidano gli aspetti più sconcertanti della fisica moderna. Essa ci deve far accettare l’idea che la realtà è determinata dall’interazione con la realtà stessa, in un mondo dove più che la certezza si descrive la probabilità, ma quella probabilità è sicuramente determinata.
Anche se incredibili, le equazioni e i teoremi della meccanica quantistica sono utilizzate con successo nei campi più svariati, tant’è che gran parte del nostro progresso tecnologico si basa su di esse.
La terza parte del libro è dedicata al cosmo, alla struttura dell’universo per come lo conosciamo. La quarta descrive le particelle elementari, mentre la quinta la gravità quantistica, e la sesta il rapporta tra il calore e la probabilità.

La settima parte

Nella settima e ultima parte l’autore decide di riportarci nel mondo reale, o almeno quello che noi percepiamo come reale. Rovelli pone domande fondamentali, per riuscire, o perlomeno tentare, di trovare un senso alla nostra esistenza, in un mondo descritto da tale complessità. Probabilmente questa è la parte del libro in cui maggiormente si coglie la profondità filosofica e il pensiero dell’autore.

Ma se il mondo è solo particelle: allora noi chi siamo? I nostri pensieri sono  anch’essi solo particelle? Ma la sensazione di esistere e di essere liberi di scegliere, ha dunque un senso? Un tentativo ben riuscito, una stupenda interpretazione che rivolge lo sguardo ai quesiti più difficili inerenti la nostra stessa esistenza.

L’autore ci apre gli occhi verso una concezione diversa della realtà, in quanto la vita, per come la conosciamo, non è altro che una delle tante fotografie di un mondo meraviglioso, che nasconde chissà quante meraviglie in altrettante dimensioni e realtà differenti.

Potrebbero interessarti alcuni saggi sulla fisica quantistica e la biografia di Albert Einstein