autobiografia james dyson

James Dyson – Autobiografia

In Le autobiografie più belle di sempre by moderatoreLeave a Comment

A LIFE

L’autobiografia di un uomo straordinario. An autobiography è un libro avvincente e interessante, soprattutto per coloro che sono interessati all’innovazione, al design, e al mondo degli affari. Per coloro che non lo conoscono, è l’uomo che ha inventato gli aspirapolvere senza fili Dyson. Questo visionario ed eclettico inventore, è famoso per aver sviluppato migliaia di prototipi  fino a rivoluzionare il mercato mondiale degli aspirapolvere. Inventò infatti l’aspirapolvere ciclonico che funziona senza sacco. Questo libro non solo svela quella ricerca, ma è molto di più. Ci parla di caparbietà, sete di conoscenza e ricerca costante di miglioramento. Oggi l’azienda non si limita al mercato degli aspirapolvere, produce asciugacapelli, piastre per capelli e i famosi depuratori d’aria Dyson. Le sue non sono solo invenzioni rivoluzionarie, ma capolavori di design

Una storia di successi e sconfitte

Il libro è una storia che non annoia,  ma che mette in evidenza sia i successi e i fallimenti che incontrano coloro che si mettono in gioco. James Dyson rivela passo dopo passo come ha creato una delle aziende più tecnologiche e creative al mondo. Una storia avvincente ma allo stesso tempo drammatica, con molte sconfitte che lo hanno segnato. Un insegnamento a continuare provare, con resilienza, studio e tanta passione. La sua fortuna è stata essenzialmente combinare un background artistico e tecnico. Dyson è un pensatore non convenzionale, con la capacità cdi rivoluzionare prodotti che pensiamo non migliorabili, cosi da reinventarli in qualcosa di completamente nuovo. Il libro contiene anche disegni di prodotti, che illustrano le invenzioni in modo pratico.
Dyson combatte una concorrenza sleale, che copia i suoi prodotti in barba alle leggi sui brevetti.

Dyson e l’aspirapolvere ciclonico

La storia narra che Dyson non sopportava più la sua vecchia aspirapolvere. Il sacchetto di raccolta, quando andava a sporcarsi faceva calare le prestazioni del suo aspirapolvere. Non si perse d’animo e cominciò a smontarla e modificarla. Migliaia di modifiche servirono ad arrivare ad un prototipo funzionante. In pratica ricreò un ciclone di separazione industriale in una piccola aspirapolvere. La polvere e lo sporco venivano separate dall’aria grazie alla forza centrifuga, per poi depositarsi in un piccolo bidoncino. Fu l’inizio di una rivoluzione tecnologia e personale senza precedenti.

 

Leave a Comment