libro sulla mafia

Il giorno della civetta

In libri consigliati by moderatoreLeave a Comment

Il più importante tra i romanzi che raccontano la mafia

Il giorno della civetta è un romanzo di Leonardo Sciascia. Uno dei libri più belli e importanti della letteratura italiana.
Un libro giallo dove non interessa chi sia veramente il colpevole. Nemmeno la trama è importante, ma il contesto in cui essa si sviluppa. Un libro sulla mafia che non si focalizza sul sistema, ma sul costume e l’identità sociale in cui essa prende forma.
La terra d’origine di Sciascia, una Sicilia che è tante realtà racchiuse in un’unico universo.

Il giorno della civetta
Nascita del romanzo

Il giorno della civetta è stato scritto da Sciascia nell’estate del 1960.
Tratto dall’avvertenza dello stesso autore nella riedizione del 1972: “Allora il governo non solo si disinteressava del fenomeno della mafia, ma esplicitamente lo negava. Ma la mafia era ed è altra cosa: un sistema che in Sicilia contiene e muove gli interessi economici e di potere di una classe che approssimativamente possiamo definire borghese; e non sorge e si sviluppa nel vuoto dello stato, ma dentro lo stato.”

La lingua utilizzata nel romanzo è diretta ed essenziale. Sono presenti due contrapposizioni essenziali nello forma: la lingua popolare con il dialetto parlato dai personaggi del luogo, e la lingua sapiente e raffinata del capitano Bellodi. Un contrasto che rende l’opera stilisticamente raffinata.

Il narratore della storia è esterno e onnisciente; non si focalizza sui personaggi ma sulle vicende e sul contesto.

Il giorno della civetta
Riassunto del romanzo

Salvatore Colasberna, è il presidente di una piccola cooperativa edilizia. Mentre si accinge a salire sull’autobus per recarsi a Palermo, viene freddato con due colpi di fucile. Al momento dell’omicidio sono presenti svariate persone. Nessuno sembra però disposto a parlare. Un solo uomo dichiara di aver sentito due colpi provenire dall’angolo di una strada.
Le indagini vengono affidate al capitano Bellodi, comandante di compagnia dei Carabinieri. L’uomo è un irreprensibile avvocato del nord che decide di servire lo stato nell’arma.  Bellodi, grazie ad una lettera anonima, inizia ad indagare nel settore degli appalti e della collusione mafiosa che li accompagna.

Il titolo del romanzo

Il titolo del romanzo Il giorno della civetta deriva da una citazione di Shakespeare : “come la civetta è animale notturno, e diventa oggetto di meraviglia se di giorno compare”. La mafia ora non si nasconde più, si fa vedere alla luce del sole mentre prima agiva nell’ombra.

Leave a Comment