I miei martedì col professore

I miei martedì col professore
4.5 (90%) 2 votes

 

 

 

 

 

 

 

Semplicemente favoloso. I miei martedì col professore è un libro commovente, che fa piangere e riflettere. Ma se rimarrà nel vostro cuore, sarà per la carica emozionale che esso trasmette, per la capacità di insegnare ad amare la nostra vita, in qualsiasi forma essa decida di rivelarsi, sia che ci arrida con dolcezza o che ci volti le spalle con terribile nequizia. È senza dubbio un libro la cui lettura ci aiuta a vivere più felici e sereni.

Vi sono persone che vagano come dei fantasmi, corpi estranei nella loro stessa esistenza, abbandonati e rassegnati ad una morte emozionale. Essi si concentrano su pensieri ed obbiettivi sbagliati, non riflettendo sull’ impermanenza della vita umana.

La storia in breve

L’autore (Mitch Albom) racconta una storia da lui realmente vissuta

16 anni sono passati da quando Mitch si è laureato. 16 anni a cercare di trovare la propria strada in questo mondo, senza tuttavia riuscirvi. Mitch lavora freneticamente, costruendosi così una carriera di successo, ma fallisce nella ricerca della felicità interiore, baratta i suoi sogni ed aspirazioni con una consistente busta paga.
Una sera, mentre guarda la TV, riconosce un suo vecchio professore (Morrie Schwartz), che racconta la propria storia in un famoso programma televisivo. Morrie è affetto da una malattia degenerativa molto grave. Mitch è confuso, vede il suo mentore in quelle terribili condizioni, ma lo percepisce stranamente sereno. Egli decide di  adempiere a un’antica promessa che aveva fatto a se stesso: andrà a trovare il suo vecchio professore.

Durante il loro primo incontro, il professore percepisce immediatamente l’infelicità latente del suo allievo. Rifletteranno insieme sull’idea che una vita di rimpianti e frustrazioni è altrettanto terribile come la morte stessa. Mitch capisce che ha ancora molto da imparare da quell’uomo, così ricco di saggezza ed amore per la vita. Decide di andare a trovarlo ogni martedì,  fino a quando sarà possibile. Ne nasce una sorta di ultima tesi, una profonda discussione sui più importanti temi che coinvolgono l’esistenza umana.

Vi consigliamo inoltre la lettura di altre due opere di gran rilievo: Progetto felicità ( by Gretchen Rubin) e Big Magic (di Elizabeth Gilberth)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie tecnici e di terze parti. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi