Dio di illusioni Donna Tartt

Dio di illusioni – Libro – (Donna Tartt)

In Libri da leggere assolutamente nella vita by moderatoreLeave a Comment

Dio di illusioni – Libro – (Donna Tartt)
3.3 (66.67%) 3 vote[s]

Genere del libro: Romanzo thriller

Dio di illusioni ( Titolo originale The secret History), è un thriller psicologico della scrittrice Donna Tartt.

Un romanzo avvincente, ricco di suspense e terrore. La storia che ci viene presentata nel romanzo rende quest’opera interessante anche ai non amanti del genere thriller. Un libro consigliato non tanto per le emozioni che la sua lettura trasmette, quanto per le profonde domande che è capace di scaturire. Le riflessioni in merito alla natura umana sono centrali e profonde nel romanzo della Tartt. La scrittrice rivela la tendenza dell’individuo ad adattarsi all’ambiente sociale circostante. Talvolta questa simbiosi  può degenerare al punto da poter essere considerata appartenenza al  ‘branco’. A parere di Donna Tartt,  la moralità e i valori comuni si adattano e cambiano a seconda delle circostanze.  Perfino l’omicidio appare giusto e giustificabile se condiviso dalla piccola comunità, che ormai non riconosce i consueti comportamenti sociali.

È capitato a tutti di chiedersi come sia possibile che un intero gruppo di persone si abbandoni alla decadenza morale, alla malvagità estrema del commettere un omicidio. Questo romanzo affronta il degrado di un gruppo di ragazzi speciali, che decide di alterare i confini di cosa sia giusto e cosa sbagliato.

Dio di illusioni – Trama del romanzo

Donna Tartt non esita a farci capire la natura thriller di questo romanzo. Già nel primo capitolo veniamo a conoscenza della morte di un ragazzo di nome Bunny.
Siamo nel Vermont, in una scuola d’elite per ragazzi dotati d’intelligenza non comune. Un carismatico professore, ed un gruppo d’eccentrici ragazzi, diventano i protagonisti di questo romanzo. Stanchi dell’esistenza monotona che contraddistingue le persone normali, sperimentano un modo di pensare e di vivere diverso dall’ordinario. I cinque ragazzi, eruditi ma disadattati, citano i classici greci  e si sentono ‘elevati’ oltre le persone comuni.

A questi ragazzi si aggiunge ben presto Richard, il narratore del romanzo. Egli viene stranamente e velocemente accettato nel gruppo. Una sera, tra alcol, droga e giochi sessuali, torna a galla il ricordo di un crimine di efferata violenza. Ecco che per nasconderne il ricordo, sarà necessario compierne un altro ancora più spietato.

È nella seconda parte di questo romanzo stupendo che possiamo apprezzare l’abilità narrativa della Tartt. Dopo il secondo omicidio, l’autrice si concentra sull’effetto che la morte crea nella piccola comunità. Viene analizzato il comportamento che porta alla disintegrazione emotiva dei ragazzi.

Lo stile narrativo del romanzo

Dio di illusioni è un libro affascinante che racchiude molti generi in un unico romanzo.
Per alcuni lettori, lo stile del romanzo può apparire impegnativo. In realtà l’utilizzo parziale di uno stile neo-romantico è determinato dalla necessità di descrivere la bellezza estetica e l’edonismo al quale i ragazzi si abbandonano. Talvolta la Tartt pare dilungarsi eccessivamente in alcune alcune parti, ma nel complesso è un libro molto piacevole ed emozionante da leggere.
Vi consigliamo inoltre la lettura di Amabili resti (by Alice Sebold)

Leave a Comment